MENU

Pedagogia e didattica di genere

Parole chiave: Gender studies, pedagogia di genere, educazione di genere, formazione del personale educativo e docente, didattica di genere, violenza di genere, autobiografia, empowerment, globalizzazione

 

Temi di ricerca:

  1. Percorsi educativo-didattici per promuovere a partire dalla prima infanzia la cultura della parità di genere.
  2. La formazione professionale in ottica di genere attraverso percorsi di ricerca-azione.
  3. Pratiche pedagogiche per prevenire la violenza di genere, sviluppare empowerment e costruire relazioni tra i sessi basate sul rispetto reciproco.
  4. Genere, intercultura e globalizzazione. Approcci pedagogici per favorire l’inclusione e la valorizzazione delle diversità.
  5. Indagini e analisi sulla condizione senile femminile.
  6. La pratica dell’autobiografia come dispositivo per la formazione del sé

 

Obiettivi e finalità:

  1. Elaborare piani di ricerca-azione e formazione professionale volti a sviluppare nei destinatari conoscenze, abilità e competenze attinenti alla pedagogia e alla didattica di genere.
  2. Individuare, applicare e implementare pratiche pedagogiche in grado di prevenire la violenza di genere, sviluppare empowerment e costruire relazioni basate sul riconoscimento e il rispetto dell’altro/a da sé.
  3. Indagare e approfondire le interconnessioni tra genere-intercultura-globalizzazione al fine di migliorare i processi di inclusione attraverso la valorizzazione di tutte le differenze.
  4. Realizzare un’indagine esplorativa sulla condizione senile femminile utilizzando gli strumenti della ricerca qualitativa
  5. Promuovere l’autobiografia come metodo e dispositivo pedagogico per esplorare i vissuti e le esperienze personali/professionali dei soggetti.
  6. Sperimentare metodi e strategie innovative per sensibilizzare e promuove a partire dalla prima infanzia una cultura basata sulla parità tra i generi

 

Progetti in corso:

1. Developing whole school Gender Equality Charter Mark in order to overcome gender stereotyping in education across Europe

Progetto internazionale finanziato dall’Unione Europea, linea DG Justice, periodo 2017-2019. Responsabile scientifica per l’Italia prof.ssa Simonetta Ulivieri. Il Progetto ha i seguenti obiettivi: favorire una maggiore sensibilizzazione, conoscenza e consapevolezza delle tematiche relative alla parità di genere a scuola e nella realtà sociale da parte di dirigenti scolatici, insegnanti, famiglie, del Ministero dell’Istruzione e delle istituzioni politiche locali; promuovere cambiamenti e miglioramenti evidenti nelle pratiche scolastiche in materia di uguaglianza di genere nelle tre scuole pilota. Tra i risultati attesi a medio e a lungo termine si evidenziano: la diffusione e l’utilizzo del GECM a livello nazionale ed europeo; la progettazione di un GECM adeguato ad altri ordini scolastici.

 

2. Genere, infanzia e formazione. Prospettive pedagogiche gender oriented per educare e crescere valorizzando le differenze

Progetto finanziato dal Comune di Livorno per gli anni educativi e scolastici 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019. Responsabile scientifica prof.ssa Simonetta Ulivieri.

Per quanto riguarda la formazione del personale educativo e scolastico il Progetto si pone gli obiettivi di: sensibilizzare e promuovere la cultura della parità di genere; riconoscere e saper decostruire a livello educativo e didattico gli stereotipi sessisti; utilizzare un linguaggio inclusivo e non discriminante; progettare percorsi educativi didattici gender oriented; utilizzare metodi e strategie di coeducazione tra i sessi. Per quanto riguarda le famiglie il Progetto intende: sensibilizzare i genitori all’educazione di genere; individuare pratiche educative genitoriali utili per contrastare gli stereotipi di genere; generare un rapporto di corresponsabilità tra servizi educativi, scuola e famiglie rispetto all’educazione di genere. Il percorso di ricerca-azione-formazione si esplica attraverso: lezioni in presenza, laboratori, osservazioni sul campo, focus group, lavoro e studio individuale, verifiche in itinere e finali.

 

3. È da maschio o da femmina?

Progetto finanziato dal Comune di Livorno per l’anno educativo 2018-2019. Responsabile scientifica prof.ssa Simonetta Ulivieri.

Il Progetto è volto a: conoscere l’origine e il funzionamento degli stereotipi e dei pregiudizi di genere; riconoscere la presenza di stereotipi e di pregiudizi di genere nelle diverse forme di linguaggio, nei comportamenti e nelle abitudini dei bambini e degli adulti; apprendere pratiche educativo-didattiche volte alla valorizzazione di tutte le differenze e in particolare quelle di genere. Il percorso di formazione del personale educativo ha avuto la seguente articolazione: lezioni in presenza, laboratori, osservazioni sul campo, focus group, lavoro e studio individuale, verifica finale.

 

4. La formazione di genere in età adulta. Il lavoro educativo nella terza e quarta età

Il processo di invecchiamento della popolazione è uno degli aspetti che più significativamente sta trasformando il nostro Paese con caratteristiche che hanno ripercussioni molto diverse fra i generi e generazioni. In particolare, tale processo espone le donne a una “doppia vulnerabilità”: “età” e “genere” amplificano situazioni di fragilità e catalizzano forme di violenza sia simbolica, sia reale. Il gruppo di ricerca foggiano intende realizzare un’indagine esplorativa sulla condizione senile femminile utilizzando gli strumenti della ricerca qualitativa, specificamente le interviste biografiche.

 

5. Le donne tra violenza e cura. Una ricerca sul territorio campano

La ricerca si propone di condurre una ricognizione dei servizi offerti alle donne vittime di violenza e agli uomini maltrattanti, al fine di valutarne l'impatto sociale e rieducativo in termini anche di prevenzione per i giovani adolescenti. Azioni in corso: l'Osservatorio sul Fenomeno delle Violenza sulle Donne; la rete CaRA, acronimo di "Campania rete antiviolenza"; il sistema di integrazione ai servizi territoriali per l'accoglienza e l'assistenza delle vittime dalla violenza; il progetto "S.V.O.L.T.E. Superare la Violenza con Orientamento, Lavoro, Tirocini, Esperienze formative" per la formazione delle numerose educatrici che lavorano nei centri-antiviolenza e nelle case rifugio.

 

Collegamenti con gruppi di ricerca

  • Gruppo Pedagogia di Genere SIPED
  • Laboratorio “Educazione ai generi”, presso il Dipartimento di Scienze dell'Educazione "G.M. Bertin" (Manuela Gallerani). Il Laboratorio promuove una riflessione critica sulle differenze di genere, a partire dalla decostruzione dei più comuni stereotipi di genere, al fine di sviluppare una più corretta e consapevole educazione alle differenze di genere.
  • Commissione Regionale per le Pari Opportunità della Toscana (Irene Biemmi). La collaborazione è volta a promuovere attività di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza sulla promozione della cultura della parità di genere.
  • UNICEF Italia (Irene Biemmi). La collaborazione intende sviluppare attività di promozione della cultura dell'infanzia e della promozione dei diritti delle bambine e dei bambini.
  • SOROPTIMIST International sede di Firenze. La collaborazione ha lo scopo di incentivare la formazione di figure professionali che si occupano di prevenzione della violenza di genere e di supporto alle vittime di violenza.
  • Gruppo di ricerca con Università di Foggia. “Genere e terza età” (Manuela Ladogana). La ricerca intende realizzare un’indagine esplorativa sulla condizione senile femminile utilizzando l’autobiografia come metodo per la formazione identitaria.

 

Coordinatore:

Simonetta Ulivieri

Membri:

  • G. Ammannati
  • M. Arriaga (Universidad de Sevilla)
  • M. Baldini (FORLILPSI)
  • Irene Biemmi
  • G. Burgio (Università Enna "Kore")
  • A. Cagnolati (Università di Foggia)
  • Cristina Carletti
  • M.J. Cala Carrillo (Universidad de Sevilla)
  • Francesca Dello Preite
  • M. Ercolano (Università "Suor Orsola Benincasa", Napoli)
  • D. Forni
  • M. Gallerani (Università di Bologna)
  • V. Guerrini (FORLILPSI)
  • Silvia Guetta
  • M. Hébert (Université du Québec à Montréal)
  • M. Ladogana (Università di Foggia)
  • E. Leonelli (Università di Bologna)
  • A. Lopez (Università di Foggia)
  • Maria Rita Mancaniello
  • F. Marone (Università "Federico II" Napoli)
  • M. Muscarà (Università di Enna "Kore")
  • E. Musi (Università di Milano)
  • M.T. Padilla-Carmona (Universidad de Sevilla)
  • M. Tsouroufli (University of Walverhampton)
  • R. Roig Vila (Università di alicante)
  • Simonetta Ulivieri

Altre strutture coinvolte:

  • Dip. di Studi Umanistici, Lettere, Beni culturali, Scienze della Formazione - Università degli Studi di Foggia
  • Dip. di Studi Umanistici - Università "Federico II" - Napoli
  • Départment de Sexologie - Université du Québec à Montréal
  • Facoltà di Filologia - Università di Siviglia
  • Facoltà di Scienze della Formazione - Università di Enna "Kore"
  • Dipartimento di Scienze dell'Educazione "Giovanni Maria Bertin" - Università di Bologna
  • Facoltà di Scienze della formazione-Università Cattolica di Milano
  • Facoltà di Scienze della formazione- Università "Suor Orsola Benincasa"-Napoli
  • Facultad de Cencias de la Educación - Universidad de Sevilla
  • Facultad de Psicologia-Universidad de Sevilla
  • Faculty of Education, Health and Wellbeing-University of Walverhampton

Contatti

simonetta.ulivieri(AT)unifi.it

 

 

Ultimo aggiornamento

19.07.2021

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni