MENU

LMT - Learning, Media & Technology for Educational Research and Innovation in Education and Training

Parole chiave: apprendimento attivo, nuove tecnologie, competenze digitali e mediali, ricerca e innovazione didattica, instructional design, mobile learning, e-learning, technology-enhanced learning, tecnologie per la disabilità, robotica educativa, educazione 4.0, inclusione sociale, contesti di apprendimento formali, non formali e informali, Scuola, Alta formazione, Sviluppo professionale, Informed based education

 

Temi di ricerca: Gli ambiti di interesse dell'Unità di Ricerca si articolano intorno a sei principali aree di indagine:

1) Metodologie didattiche, sviluppo professionale, processi di innovazione (digitale e non) in contesti formali (Scuola e Università).

2) Active learning, valutazione formativa e tecnologie a supporto del potenziamento dei processi di apprendimento nella didattica scolastica, universitaria e, più in generale, nella formazione.

3) Cittadinanza digitale, competenza digitale (nelle sue diverse dimensioni, da quelle più strettamente cognitive incluso il pensiero computazionale, a quelle etico-sociali), media literacy education e inclusione sociale tra contesti formali, informali e non formali.

4) Prospettive di ricerca e applicative delle Tecnologie 4.0 in ambito educational con particolare attenzione all’uso dei big data (Learning Analytics) e dei sistemi di Intelligenza Artificiale.

5) Didattica e nuove tecnologie per i bisogni educativi speciali, con particolare riguardo agli sviluppi della robotica educativa in contesti educativi e formativi.

6) Nuove frontiere della ricerca didattica supportata dalle tecnologie digitali, epistemologia della ricerca educativa, approcci informed based education e design-based research.

 

Obiettivi e finalità: La UdR si propone i seguenti obiettivi:

  1. Ideare e testare modelli didattici interattivi e inclusivi per l’innovazione didattica nei vari contesti (Scuola, Alta formazione, Educazione informale, Work-based learning, etc.) e per il coinvolgimento attivo degli studenti nei processi di apprendimento, con particolare riguardo al ruolo della valutazione formativa.
  2. Indagare le nuove frontiere del technology-enhanced learning, con riferimento al mobile learning, al social learning, all’uso di ambienti immersivi e di strumenti di visualizzazione.
  3. Elaborare e sperimentare modelli teorici e strumenti applicativi per lo sviluppo di competenze digitali e mediali per promuovere la cittadinanza digitale e l’inclusione sociale.
  4. Rafforzare il rapporto tra teoria e pratica didattica, nell’ottica di una educazione informata dall’evidenza, con implicazioni per la formazione degli insegnanti e lo sviluppo professionale.
  5. Promuovere indagini specifiche nel campo dei Bisogni Educativi Speciali, con un’attenzione alle tecnologie per la disabilità e agli sviluppi della robotica educativa.
  6. Esplorare le nuove frontiere della ricerca didattica digitale gli ambiti di utilizzo dei big data (Learning Analytics) e dei sistemi di Intelligenza Artificiale nel dominio educational, nonché le implicazioni etiche correlate a tali applicazioni, es. per quanto attiene lo sviluppo di modelli data-driven.

 

Progetti in corso:

1. Settore riviste: leadership delle riviste Media education: Studi, ricerche, buone pratiche e Journal of Media Literacy Education; contributo al coordinamento editoriale della Rivista Form@re (Classe A).

2. Settore progetti europei: Progetto Media education for equity and tolerance (MEET, in chiusura); Progetto EAR per l’innovazione della didattica scolastica (in fase di attuazione); Progetto Gamele sulla gamification e l’educazione ai media (in fase di valutazione); Progetto APP2you sull’information literacy e la cittadinanza attiva (in fase di valutazione); Progetto sulla formazione degli insegnanti dal titolo DEveloping TEachers’ Critical digital liTeracies (in fase di valutazione); Progetto sull’uso dei video immersivi per l’innovazione della didattica universitaria (in fase di valutazione).

3. Settore progetti d’Ateneo: supervisione scientifica del progetto DIDeL, Didattica in e-learning per l’innovazione della didattica universitaria e lo sviluppo professionale dei docenti, promosso da SIAF nel quadro del Progetto Strategico d’Ateneo.

4. Settore bandi innovativi: Assegno di ricerca finanziato dall’Ateneo di Firenze nel settore dell’education 4.0; Progetto sull’Intelligenza artificiale e la trasformazione degli spazi di apprendimento (in fase di valutazione).

5. Settore internazionalizzazione: collaborazione con il London Mobile learning Group promosso da Norbert Pachler (University College London, UK); collaborazione con il Media education lab, promosso da Renee Hobbs (University of Rhode Island, USA).

6. Settore Università e Scuola: studi e ricerche sul profilo professionale dell’Insegnante di scuola dell’infanzia e primaria (progetto S3PI). Formazione delle competenze mediali e digitali degli insegnanti, localizzazione in Brasile di corso sperimentato in Italia.

Coordinatore:

Maria Ranieri

Membri:

Altre strutture coinvolte:

  • SIAF
  • INDIRE

Contatti:

maria.ranieri(AT)unifi.it

 

Ultimo aggiornamento

29.11.2020

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni